We Care
 
Il Progetto WeCare  è finanziato dall’Impresa Sociale Con I Bambini nell’ambito delle iniziative per il contrasto della povertà educativa minorile.
Il progetto propone interventi di sostegno e presa in carico dei minori a rischio o vittime di maltrattamento e delle relative famiglie. È prevista la costituzione di un tavolo interistituzionale, formato da tutti i soggetti preposti alla tutela, con l’obiettivo di redigere un manuale delle procedure di protezione e una child safeguarding policy per una presa in carico omogenea a livello territoriale, oltre che per la formazione degli operatori.
 
Al fine di condividere i dati disponibili, si intende adottare una piattaforma di screening digitale gestita da un’équipe multidisciplinare che, sulla base delle informazioni, evidenzi i livelli di rischio e attivi le specifiche misure di presa in carico. Il progetto adotta, inoltre, specifici strumenti di intervento, come il ‘progetto di cura del minore’ (PCM), con trattamenti riabilitativi o di sostegno psicologico al fine di favorire il recupero delle aree di fragilità e la riparazione delle relazioni familiari, e il ‘progetto di educazione familiare’ (PEF), con attività di home visiting e di supporto familiare e socio-economico. A livello di comunità si intende attivare strumenti di coordinamento sul territorio e di service learning promossi dalle scuole in collaborazione con gli enti del terzo settore. Le azioni di protezione e cura si rivolgono a 50 minori e 50 famiglie.
 

Partenariato

  • Fondazione di Religione Istituto Maria Regina,
  • Specchio Magico Cooperativa Sociale Onlus;
  • Università G. D’Annunzio di Chieti-Pescara;
  • Comune di Teramo;
  • Comune di Pescara;
  • Ausl Teramo;
  • Azienda Sanitaria Locale di Pescara;
  • I Colori – Società Cooperativa Sociale A R. L.;
  • Comune di Silvi;
  • Caritas Teramo Atri;
  • Consorzio Solidarietà Aprutina Società Cooperativa;
  • Associazione di Volontariato L’Angelo Custode;
  • Polo Liceale “L. Illuminati”;
  • Unione dei Comuni Le Terre Del Sole;
  • Tribunale per i Minorenni – L’Aquila;
  • Consiglio Ordine Assistenti Sociali Regione Abruzzo;
  • Iis;
  • Istituto Italiano di Valutazione.
 

Obiettivo generale e metodologia

 
WeCare intende promuovere un sistema territoriale innovativo nel trattamento dei bambini e delle famiglie ad alto rischio di maltrattamento per garantire più diritti, più efficacia, più cure e maggiori responsabilità condivise.
 
WeCare adotta una metodologia di lavoro ispirata alle azioni di parenting support, intese come un insieme di interventi family-oriented che hanno in comune il focus sulla genitorialità sia nell’ottica della prevenzione primaria, che guarda ai genitori in situazione di “normalità” secondo il “pull approach”, sia nell’ottica mirata del “push approach”, rivolta ai genitori che si trovano ad affrontare bisogni specifici, per affermare una cultura che intende sostenere le famiglie a partire dalla promozione delle sue risorse positive.
 

Azioni

 
La strategia di WeCare si ispira alla prospettiva ecologica dello sviluppo del bambino adottata dall’OMS e mira a incidere sui principali sistemi di relazione che si intrecciano nella vita del bambino, quali: la famiglia maltrattante, gli operatori del settore e la comunità di prossimità.
 
Il progetto si articola in una pluralità di interventi clinici, educativi, sociali, di formazione, informazione e comunicazione, tra cui:
  1. Redazione del Manuale ed elaborazione Child Safeguarding Policy: messa a punto degli strumenti innovativi di presa in carico e costituzione del “Consiglio locale per la tutela del minore”, formato da tutti i soggetti inter-istituzionali preposti alla tutela nelle province di Teramo e Pescara.
  2. Formazione, capacity building e counseling psicologico: formazione specialistica sia degli operatori coinvolti nel progetto sia di operatori dell’area sanitaria, socio assistenziale, pedagogica e scolastica presenti sul territorio; counseling psicologico negli istituti scolastici partner di progetto; capacity building per operatori di categorie disomogenee.
  3. Rilevazione, valutazione e definizione del piano di protezione e cura: adozione di una Piattaforma di Screening Digitale sui fattori di rischio dei bambini e degli adolescenti in carico ai servizi dell’area interprovinciale Teramo-Pescara;
  4. Attivazione del Servizio di Allerta e Sorveglianza (SAS) per la prevenzione del maltrattamento sui bambini, composto da rappresentanti inter-istituzionali.
  5. Attivazione del Progetto di Cura del Minore (PCM), strumento di coordinamento degli interventi sociali, educativi, psicologici, di supporto al bambino vittima di maltrattamento, e del Progetto di Educazione Familiare (PEF), strumento di supporto familiare tramite la sperimentazione di interventi integrati di sostegno psicoeducativo, Home Visiting (si prevede l’utilizzo della VIG – Video Interaction Guidance).
  6. Attivazione del Progetto Comunitario di Supporto (PCS), strumento di coordinamento degli interventi sociali e di prossimità da parte del volontariato e del partenariato inter-istituzionale.
  7. Attivazione della comunità educante: diffusione della cultura della prevenzione della violenza sul territorio attraverso un sistema di Service Learning comunitario, presso le scuole Partner, il Liceo “Illuminati” di Atri e Istituto Di Marzio – Michetti di Pescara.
  8. Comunicazione: eventi di animazione territoriale, tour della prevenzione e sviluppo di strumenti digitali.

Destinatari

  • Minori ad alto rischio di maltrattamento e le loro famiglie;
  • Operatori appartenenti alle principali Agenzie Educative ed Assistenziali delle due province di riferimento (Scuole e Servizi Sociali);
  • Agenzie stampa e comunità allargata.

 

 
>> Scarica la Locandina del progetto WE CARE
 
 
 

 

Sede di coordinamento di progetto:

Associazione Focolare Maria Regina onlus
Via Oberdan, 26 64025 Scerne di Pineto (TE)
tel. (+39) 085.9463098 fax (+39) 085.9463199

Ultime notizie

20 anni di Centro Studi Sociali, Suor Pina: «E adesso la formazione per l’apprendistato dei giovani»

Il 5 ottobre 2002 veniva posta la prima pietra del Centro Suor Pina Martella annuncia una nuova iniziativa: il Centro Studi è stato iscritto nel catalogo regionale degli enti che erogano formazione per l'apprendistato professionalizzante.

L’80 percento degli studenti che conseguono la qualifica di OSS si inserisce nel mondo del lavoro

Dati positivi sull'occupazione dopo la qualifica di Operatore Socio Sanitario per gli studenti del Centro Studi Sociali per l'Infanzia e l'Adolescenza.

Prepariamo gli Operatori Socio Sanitari del futuro

Leggi subito l'intervista a Simona Ferretti, Tutor dei percorsi di qualifica professionale del nostro Centro Studi Sociali per l'Infanzia e l'Adolescenza.