Chad, John, Happiness, Shaninul: ecco i sorrisi dei giovani cittadini provenienti da Paesi Terzi che hanno trovato lavoro in Abruzzo con il progetto REILAB

 

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Innovare, rafforzare e consolidare il sistema dei servizi regionali per l’integrazione lavorativa dei migranti, dialogando con le loro aspettative, motivazioni, bisogni e obiettivi del loro progetto migratorio. Ecco gli obiettivi del Progetto Reilab, una rete territoriale nata per favorire lo sviluppo di competenze e l’inclusione lavorativa di cittadini stranieri provenienti da Paesi Terzi e residenti in Abruzzo.

Attraverso la costituzione di Reilab point, ovvero sportelli ubicati nelle 4 province abruzzesi, il progetto si pone come scopo quello di informare e assistere i cittadini stranieri per potenziare e valorizzare le loro competenze e guidarli in un percorso di integrazione lavorativa. 
Logo_progetto_Reilab
 

 

Obiettivo degli sportelli: accompagnare i cittadini provenienti da Paesi Terzi, compresi i titolari di protezione internazionale in un percorso verso l'autonomia e l'integrazione lavorativa, anche attraverso un'accurata analisi delle caratteristiche del lavoro locale.  

 

I partner del progetto Reilab

 

 

IL NOSTRO CONTRIBUTO

 

il_nostro_contributo
 
 
 
 
 
Colloqui e 
 
Bilanci di
 
Competenze
 
 
 
 
DESTINATARI

Cittadini provenienti da Paesi Terzi, compresi i titolari di protezione internazionale; Associazioni di migranti e di seconde generazioni; Enti pubblici e organizzazioni del privato sociale operanti in materia di integrazione; Associazioni ed enti del terzo settore.

CONTATTI

Responsabile di Progetto
Dr.ssa Sabrina De Flaviis
Tel. 085.94630698 - Email: direzione@ibambini.it

Ultime notizie

20 anni di Centro Studi Sociali, Suor Pina: «E adesso la formazione per l’apprendistato dei giovani»

Il 5 ottobre 2002 veniva posta la prima pietra del Centro Suor Pina Martella annuncia una nuova iniziativa: il Centro Studi è stato iscritto nel catalogo regionale degli enti che erogano formazione per l'apprendistato professionalizzante.

L’80 percento degli studenti che conseguono la qualifica di OSS si inserisce nel mondo del lavoro

Dati positivi sull'occupazione dopo la qualifica di Operatore Socio Sanitario per gli studenti del Centro Studi Sociali per l'Infanzia e l'Adolescenza.

Prepariamo gli Operatori Socio Sanitari del futuro

Leggi subito l'intervista a Simona Ferretti, Tutor dei percorsi di qualifica professionale del nostro Centro Studi Sociali per l'Infanzia e l'Adolescenza.